Novità

Tenutisi laboratori per i beneficiari della Sottomisura 7.4.

Durante il mese di luglio il GAL Istria Settentrionale ha organizzato una serie di laboratori per beneficiari nell´ambito della Sottomisura 7.4. Sostegno a investimenti finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base a livello locale per la popolazione rurale, comprese le attività culturali e ricreative, e della relativa infrastruttura.

I laboratori, finalizzati a sostenere i beneficiari nell processo di conseguimento di finanziamenti pubblici illustrando in particolare la procedura di svolgimento dell appalto semplice per il fornimento di lavori e servizi, hanno riunito parti interessate con vari livelli di esperienza nella gestione di progetti e presentazione di domande di sostegno. Con una esposizione pratica, mirata ad accompagnare i beneficiari passo per passo nell`attuazione dell appalto, la Dirigente dell GAL ha spiegato ai presenti il processo della presentazione di domande di sostegno telematiche, usando la piattaforma AGRONET, fornendo esempi pratici e reali.  Speciale attenzione e stata dedicata alla presentazione del processo di caricamento degli allegati necessari e alla spiegazione di  procedure tecniche ed amministrative nella gestione di progetti.

I presenti hanno cosi` avuto modo di rinfrescare le propie conoscenze nonche´di fare scambio delle propie esperienze di relazione e gestione progetti con gli altri beneficiari.

Tenutosi laboratorio pratico per i GAL

Il 13 luglio 2020 si e` tenuto a Zagabria un  laboratorio pratico per i GAL croati, organizzato dall` Ministero dell`agricolutra della Repubblica di Croazia. Il laboratorio e` stato aperto dall Segretario di stato Zdravko Tušek, dopodiche` i dipendenti dell`Ministero hanno proseguito con una presentazione dello stato presente dello svolgimento della Misura 19, dei preparativi per l`attuazione della Misura 19 nell periodo di transizione e dei piani per l`attuazione dell LEADER nell duovo periodo di programmazione.

Nella seconda parte del programma i rappresentanti dell Ministero dell′Agricoltura della Reppublica di Slovenia si sono collegati tramite videoconferenza per presentare le esperienze della Slovenia con l´approccio multifondo nell´attuazione della Misura 19 in Slovenia, nonche i loro progetti per il nuovo periodo di programmazione.

“Storie di successo”- panoramica dei migliori progetti a scelta del Ministero dell`agricoltura

Chi ci segue regolarmente sa gia` da tempo che il Programma di sviluppo rurale e uno dei strumenti principali della Politica agricola comune dell UE, il quale mette a disposizione finanziamenti dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale finalizzati a sostenere progetti di sviluppo nelle zone rurali. Sostenere la competitivita dell` agricoltura, garantire la gestione sostenibile delle risorse naturali e conseguire uno sviluppo territoriale equilibrato delle economie e delle comunita` rurali ne sono gli obbiettivi principali. Come si conseguono questi fini?Il modo migliore per presentare l`attuazione delle ampie misure  del Programma di sviluppo rurale in pratica e presentando i progetti svolti nel periodo 2014-2020. La brochure pubblicata dal Ministero dell`agricoltura propone una sintesi dei migliori progetti svolti in Croazia che contibuiscono all`attenimonto degli obiettivi dell Programma. Tra i vari progetti di successo sottolineamo anche il progetto svolto dal GAL Istria settentrionale dal titolo “Il sentiero del tartufo” che viene inserito nella brochure come esempio di buona pratica. Per maggiori informazioni clicca qui.

Pubblicato il 6.bando GAL mirato al tipo d´intervento “Sostegno a investimenti finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base a livello locale per la popolazione rurale, comprese le attività culturali e ricreative, e della relativa infrastruttura”

Il GAL “Istria Settentrionale” ha pubblicato il 21 febbraio 2020  il 6.bando del GAL dalla  Strategia di sviluppo rurale locale  per il tipo di intervento 7.4  “Sostegno a investimenti finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base a livello locale per la popolazione rurale, comprese le attività culturali e ricreative, e della relativa infrastruttura”.

Le domande verranno accolte dal 09.03.2020 fino al 07.04.2020.

Le risorse finanziarie attribuite al presente Bando sono pari a 142.026,80 Kune.

Il valore minimo del progetto e del sostegno ammonta a 15.000,00 EUR calcolati in Kune.

Il valore massimo del sostegno pubblico e pari a 19.090,00 EUR  calcolati in Kune.

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Demonstracijske aktivnosti Uprave za stručnu podršku razvoju poljoprivrede i ribarstva

Uprava za stručnu podršku razvoju poljoprivrede i ribarstva u 2020. godini otpočinje s provedbom demonstracijskih aktivnosti u okviru mjere M1 – operacije 1.2.1. iz Programa ruralnog razvoja RH. Demonstracijske aktivnosti se već tradicionalno organiziraju na poljoprivrednim gospodarstvima nekoliko desetljeća.

Poljoprivrednici će tako moći uživo, na lokacijama diljem Republike Hrvatske, vidjeti praktične prikaze inovativnih tehnologija, prikaze dobrih praksi u poljoprivrednoj proizvodnji i preradi, prikaze poljoprivredne mehanizacije i opreme, primijenjene digitalne tehnologije i slično. Organizirani dolazak i sudjelovanje na demonstracijama je besplatno za poljoprivrednike. Ovakva događanja su i dobra prilika za razmjenu kvalitetnih informacija i mišljenja između poljoprivrednika i stručnjaka iz raznih područja poljoprivredne proizvodnje i prerade

Teme, lokacije i programi demonstracijskih aktivnosti mogu se vidjeti na www.savjetodavna.hr.  Na istim stranicama, poljoprivrednici se mogu i prijaviti za sudjelovanje na demonstracijskoj aktivnosti.

Prijavite ste OVDJE.

L’annuncio del concorso per la misura “Investimenti in aziende vinicole e promozione del vino”

Informiamo tutti gli interessati che l’Agenzia per i pagamenti in agricoltura, pesca e sviluppo rurale lancerà, alla fine di febbraio 2020, il bando nell’ambito del Programma nazionale per assistere il settore vitivinicolo nel periodo 2019-2023 per la misura “Investimenti in aziende vinicole e promozione del vino”.

I beneficiari della misura “Investimenti in aziende vinicole e promozione del vino” sono i seguenti: società del settore vitivinicolo (cantine – persone fisiche o giuridiche iscritte nel registro delle vigne) impegnate nella produzione o vendita di prodotti di cui disposti alla parte II. Allegato VII. del Regolamento (UE) 1308/2013, organizzazioni di produttori di vino, associazioni di due o più produttori o organizzazioni settoriali.

Il livello di sostegno è fino al 50% dei costi ammissibili totali, a seconda delle dimensioni del richiedente.

Importo massimo del sostegno per progetto:

– per le micro, piccole e medie imprese (comprese le persone fisiche) è di 1.500.000 EUR

– per le grandi imprese con meno di 750 dipendenti o un fatturato inferiore a 200 milioni di EUR, 750.000 EUR

– per le grandi imprese con 750 o più dipendenti o un fatturato di almeno 200 milioni di EUR, 550.000 EUR. EUR.

Per maggiori informazioni clicca qui.

Uputa za korisnike mjera ruralnog razvoja prilikom provedbe javne nabave

Agencija za plaćanja u poljoprivredi, ribarstvu i ruralnom razvoju pripremila je Uputu za korisnike mjera ruralnog razvoja. Svrha Upute je upoznati korisnike s najčešćim pogreškama prilikom provedbe postupka javne nabave i izvršenja ugovora, odnosno pogreškama koje se događaju pri izradi dokumentacije o nabavi, postupku pregleda i ocjene ponuda i provedbi ugovora te njihovim posljedicama sukladno dosadašnjoj praksi. Uputa je rezultat dosadašnjeg iskustva ex ante i ex post provjera postupaka javne nabave i ažurira se po potrebi.

Želimo vam puno uspjeha u provedbi Vaših projekata.

Klinuti ovdje za preuzimanje Uputa.

Da Trieste a Zrenj e le capre, Mira Gardos è chiara: credo nel mio progetto!

Mira Gardoš e la sua famiglia si trasferirono da Trieste a Zrenj, acquistarono le prime capre, completarono un corso di produzione di capre e formaggi e ampliarono la sua economia con l’aiuto dei fondi del Programma di sviluppo rurale.

Nel 2009, Mira Gardoš ha deciso di cambiare la sua vita con la sua famiglia trasferendosi da Trieste nel piccolo villaggio istriano, Zrenj. “Sono sempre stata accompagnata dai ricordi d’infanzia delle vacanze scolastiche con mia nonna in campagna. Volevo che anche i bambini sentissero parte di quella bellezza così che, pur vivendo ancora in Italia, venivamo spesso a Zrenj ”, descrive l’inizio Mira, di professione ristoratore ma nella vita – contadina. A quel tempo, ha fondato un azienda agricola a conduzione familiare (OPG) con il desiderio di dedicarsi all’agricoltura biologica. Comprò due capre, piantine e partì per liberare il terreno intorno alla vecchia casa. Presto divenne la proprietaria di un piccolo allevamento di capre. “All’inizio non è stato facile perché non sapevamo nulla sul lavoro con gli animali, ma non c’era altro da fare che imparare. La cosa principale è l’amore, poi tutto diventa facile “, dice Mira.

Man mano che la mandria cresceva, voleva imparare il più possibile, quindi ha completato un corso per allevamento di capre verso il Ministero dell’Agricoltura, in seguito ha completato un corso relativo alla produzione di formaggio. È stata anche istruita sulla promozione dei prodotti e oggi, dice, si sente pronta per nuove sfide. Ora ci sono 30 capre e attualmente,  15 capre sono per la produzione di latte. Ha anche colto l’occasione per lo sviluppo economico e ha presentato una domanda per una competizione nell’ambito del Programma di sviluppo rurale pubblicato dal GAL Istria settentrionale. Attraverso la sottomisura 19.2. “Attuazione delle operazioni nell’ambito della strategia CLLD”, ovvero tipo di operazione 6.3. Le è stato concesso un contributo di € 15.000 e la procedura, dice, è stata completata in brevissimo tempo. Attraverso il progetto, ha acquisito il diritto di acquistare capre e allevare capre, serre, reti, acquistare piantine di frutta, costruire un mini caseificio, attrezzare una sala di degustazione e sviluppare un sito Web per promuovere il prodotto.

Prevede ancora di acquistare una ventina di altre capre e di avere un totale di 50 animali, ma anche di aprire una sala di degustazione per formaggi e altri prodotti caseari. “I lavori interni più costosi sono dovuti al fatto che tutto deve essere di alto livello sanitario ed estetico e il 70% del costo è destinato all’equipaggiamento di un mini-formaggio e una sala di degustazione”, aggiunge Mira, rivelando che finora ha acquisito alberi da frutto, una rete per recinzioni al pascolo, due pastori elettrici per la difesa di selvaggina, due capre da riproduzione e una da capra da riproduzione. “Credo nel successo perché siamo coinvolti nell’agricoltura biologica. Viviamo lontano da qualsiasi inquinante, le capre pascolano all’aperto e molte aree vengono trascurate nell’area circostante e godono di un’abbondanza di bassa vegetazione. Penso che le nostre capre siano riutilizzabili e il prodotto finale sia latte e latticini di qualità ”, è convinta. Per ora, l’agricoltura non le permette di vivere, ma crede che un giorno cambierà. Il suo desiderio è di rimanere originale e coerente con se stessa. “La quantità non deve anticipare la qualità, solo in questo modo possiamo essere tutti migliori”, sottolinea.

L’articolo completo e disponibile qui.